In cosa consiste il consenso informato?

Per gli psicologi il tema del consenso informato ricorre in molti articoli del Codice Deontologico, ma è formalmente richiamato dagli articoli 23 e 24, in particolare laddove si dice che lo psicologo nella fase iniziale del rapporto professionale pattuisce quanto attiene al compenso e fornisce informazioni adeguate circa le sue prestazioni, le finalità e le modalità delle stesse.